Statistiche

  • Interventi (1589)
  • Commenti (0)

Archivi

martedì 28 luglio 2015 10:30:00

Dopo il Ribeira Sacra in versione rosso apparso su VITAE, ecco un intermezzo in versione bianco.

Lapola Ribeira Sacra 2013 Denominación de Origen, Dominio do Bibei.  La zona della Ribeira è ricca di tradizioni e di cultura contadina, però in fatto di applicazione enologica hanno oltrepassato il 2 punto zero della tecnica. Basti pensare che questo vino è stato ottenuto con uve fatte raffreddare a 2 °C per 48-72 ore. Ogni uva è stata vinificata a sé, anche in base al vigneto di provenienza. La fermentazione è avvenuta in botti da 600 litri. La maturazione s’è svolta all’inizio ancora in botti da 600, 1200 e 2400 litri, di legno francese e austriaco, poi in cemento. Ha sostato per 9 mesi sui lieviti, non c’è stata malolattica.

Le uve impiegate sono state per il 75% godello, il 20% albariño e il 5% doña blanca: tutto in piena tradizione.

Ne è uscito un vino d’un paglierino brillantissimo, mediamente scivoloso nel bevante, con archetti medio ampi. Al naso c’è una dinamica fluttuazione floreale che parte dai fiori secchi, come al camomilla, e chiude addolcendosi nella ginestra e nel gelsomino. Il fruttato è tutta un’esplosione di pesca gialla e di ananas. Noce di cocco nel finale.  È un po’ raro trovare un vino che coniughi la sottigliezza del suo volume liquido con la presenza della sostanza saporita e fresca, salineggiante e morbida. È un vino dal carattere gustativo molto elegante, vellutato e cremoso, con finale vibrante in mineralità. Piace della sua personalità la gradazione alcolica di 12,5%, per cui non c’è alcun effetto “stordente” e la beva diventa via via golosamente attraente ma non pericolosa per l’etilometro.

Abbiamo titolato, vino liturgico, semplicemente perché si propone all’indagine organolettica come se volesse confessare di essere innocente in forza alcolica, infatti l’impatto al palato ha quasi i crismi di una litania gusto olfattiva.

Scriviamo di questo vino perché dà l’idea di un certo cambio di indirizzo strategico nelle peculiarità organolettiche del bianco di Spagna, un po’ lontano dai picchi alcolici, finalmente!

AIS Staff Writer

 

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)