Statistiche

  • Interventi (1589)
  • Commenti (0)

Archivi

martedì 24 dicembre 2013 13:00:00

Attila è in arrivo, questo era l’avviso di Adnkronos del 25 novembre. Attila è passato dalla parte adriatica dell’Italia e ha rinverdito quel mito di malvagità che mostrò tra  il 441 e il 442, tanto da meritarsi l’appellativo Flagellum Dei.

E di vero flagello si parla a Loreto Aprutino, in quelle vigne in cui Edoardo Valentini fino al 2005, e il figlio Francesco da allora, hanno spremuto le essenze celestiali di uno degli immensi vini del mondo.

Dopo quell’Attila climatico questo mondo rischia di non esserci più; quasi il 50% degli straordinari vigneti a pergola abruzzese, che custodivano piante anziane quel tanto da essere in grado di offrire l’eccellenza, rischia seriamente di scomparire.

Bisogna assolutamente fare qualcosa.

Raccogliamo ben volentieri l’invito che troviamo in www.thespaghettijunction.it, scritto con trepidante passione e molto affetto da Stefano Papetti (stefano@defermo.it).

Cosa chiede Stefano Papetti? Questo: «C che possiamo fare è essere fisicamente a Loreto Aprutino da Francesco, Elena e Gabriele, il giorno in cui si potrà rientrare nel vigneto per contare i danni e per rialzare le piante che si sono salvate. Niente di più. Una giornata da vignaiolo in una vigna storica di un amico. Una giornata con il cuore infranto nel contare le vittime ma anche una giornata di gioia spropositata per ogni singola vite ferita che raddrizzeremo».

Caro Stefano, ne siamo sicuri, i Sommelier dell’Associazione Italiana Sommelier ci saranno. Tu facci sapere dove, come e quando e noi li avviseremo tutti, pubblicheremo un avviso di convocazione nel nostro sito, useremo la nostra rete Facebook. Vorremmo che in migliaia accorressero in soccorso di quelle viti, i cui vini tante e tante emozioni ci hanno regalato.

Il vino di Francesco Valentini non deve finire. «Non possiamo, non dobbiamo, non vogliamo», lo disse già Pio VII il 5 luglio 1809, lo affermiamo anche noi, oggi. Stefano tienici informati, noi quel giorno vorremmo esserci.

Associazione Italiana Sommelier

 

   
© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)