IN EVIDENZA

IL VIDEO

LA PRIMA DIRETTA FACEBOOK

LA SECONDA DIRETTA FACEBOOK

Rassegna Stampa

CITTÀ DEL VINO

GRANDI STORIE DI PICCOLI BORGHI

I VESPRI

RAI TGR PIEMONTE

RAI TGR PUGLIA

RAI TGR VALLE D’AOSTA
(al minuto 16' 54")

THE VOICE KAROL WOJTYLA

 

 

La Giornata Nazionale della Cultura del Vino e dell’Olio
si è svolta sabato 9 maggio 2020 con due dirette sul canale Facebook di AIS Italia

 

 

LA DISTANZA NON CI DIVIDE. Un taglio del nastro vero e proprio ha unito idealmente l’Italia dall’Alto Adige alla Sicilia. Così ha avuto inizio l’edizione 2020 della Giornata Nazionale della Cultura del Vino e dell’Olio, condotta dal giornalista Gianluca Semprini sulla pagina Facebook dell’Associazione Italiana Sommelier insieme al Presidente Nazionale dell’AIS Antonello Maietta. Due dirette della durata di un’ora e mezza, la prima alle 11:00, con ospiti in rappresentanza delle istituzioni, e la seconda alle 15:30, con l’intervento di esperti dal mondo della ristorazione, del turismo e dell’agroalimentare, hanno celebrato il valore culturale del vino, dell’olio e delle altre eccellenze del Bel Paese. La situazione attuale ha impedito il consueto allestimento della Giornata all’interno di siti archeologici e di luoghi di alto valore storico e artistico, ma l’Associazione è rimasta fedele al motto coniato all’inizio dell’emergenza, #ladistanzanoncidivide, e ha messo a disposizione di Soci e appassionati un luogo virtuale in cui incontrarsi per discutere e intervenire con domande e commenti.

 IL SOSTEGNO DELLE ISTITUZIONI. La Giornata, promossa dall’Associazione Italiana Sommelier, si è svolta in collaborazione con i Ministeri delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali, dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, secondo il Protocollo d’intesa sottoscritto nel 2018, con la media partnership della Testata Giornalistica Regionale (TGR). Tra i diversi ospiti intervenuti, il Sottosegretario del Ministero degli Affari Esteri Manlio Di Stefano ha sottolineato la centralità del settore: “Vogliamo ripartire dall’export e quindi dall’agroalimentare, per questo offriremo moduli fieristici gratuiti per il 2021, finanziamenti a fondo perduto per l’export ed esperti di internazionalizzazione e digitale finanziati al 50% dallo Stato, oltre ad accordi con i maggiori market place e la grande distribuzione organizzata. L’agroalimentare è un settore strategico in quasi tutti i mercati, perché veicola un’immagine dell’Italia che piace, che è subito recepita dai mercati stranieri e che può anche essere veicolo per molto altro”.

IN ALTO CALICI. A mezzogiorno e mezzo, facendo riferimento all’hashtag #risolleviamoicalici, si è tenuto un brindisi collettivo, condiviso sugli schermi di pc, tablet e smartphone. Chi ha postato sui propri profili social una foto con il bicchiere in mano ha così preso parte a un vasto flashmob di incoraggiamento, un augurio al rapido rialzarsi di ristoratori, di produttori e dell’intera filiera dell’enogastronomia italiana.

IL RILANCIO DEL MADE IN ITALY. Nella diretta pomeridiana si è dato spazio proprio a coloro che operano a vario titolo nell’esteso panorama che ruota intorno al vino e all’olio. Sono intervenuti lo chef stellato Carlo Cracco, il giornalista e oleologo Luigi Caricato, il Presidente del Gruppo Vini di Federvini e dell’Istituto del Vino Italiano di Qualità - Grandi Marchi Piero Mastroberardino, Giuseppe Cristini e Davide Feligioni, rispettivamente Presidente e Direttore dell’Accademia Italiana del Tartufo, Anna Lisa Serafini dell’associazione I Borghi più Belli d’Italia e Francesca Verrigni dell’Antico Pastificio Verrigni.

SOMMELIER, DIVULGATORE VIA WEB. “La Giornata, – ha espresso con soddisfazione il Presidente Nazionale dell’AIS Antonello Maietta nella sua insolita formula online, ha avuto un successo e un’efficacia comunicativa al di sopra delle nostre aspettative. Le visualizzazioni delle due dirette, i commenti e le domande di chi ci ha seguito e l’interazione che siamo stati in grado di condurre fra ospiti e spettatori ha mostrato che il Sommelier può e deve essere un comunicatore autorevole anche attraverso i nuovi mezzi di comunicazione come i social media. Naturalmente l’emozione e l’entusiasmo di brindare dal vivo e di degustare un calice in occasione di un evento non possono essere riprodotti sul web, ma siamo convinti che con responsabilità e determinazione potremo tornare a farlo. Questo è il nostro auspicio per rimettersi in cammino e far ripartire quei settori che ci stanno particolarmente a cuore”.

Ufficio Stampa AIS Italia

IL COMUNICATO STAMPA