Statistiche

  • Interventi (1659)
  • Commenti (0)

Archivi

lunedì 14 settembre 2015 15:00:00

Quest’anno la rivista Gourmet Traveller, la più autorevole nel campo della ristorazione in Australia, lo ha nominato Sommelier of the Year 2016.

Raffaele si “diplomò” sommelier AIS nel 2005. Ha sempre avuto una curiosa attenzione per il vino, quindi s’è ingegnato con intelligenza e creatività per aprirsi una strada professionale a contatto con il nettare di bacco. Nasce in Svizzera, ma il suo percorso inizia a Torino, prosegue in Abruzzo (nel 2007 è sommelier all’Anfora in Abruzzo e nel 2008 al Relais Agriverde).  Poiché chi si interessa di vino non può limitare il proprio raggio di azione geografico nella conoscenza dei prodotti, eccolo nel 2011 prendere la via dell’Australia, spinto anche dalla moglie (australiana), che ha subito colto in lui anche le grandi potenzialità professionali.

Intanto continua i suoi studi con la Court of Master Sommelier, il WSET e l’Australian Education Scholarship.

In Australia, a Melbourne, è subito apprezzato professionalmente e per due anni è Sommelier al Ristorante Attica, un locale classificato tra i 50 top del mondo. A settembre 2014  prende in mano le redini del vino al Ristorante Kappo, che diventa ristorante dell’anno per Time Out. Nel frattempo ha acquisito anche una poliedrica visione dell’abbinamento cibo vino, non disdegnando alcuna avventura: dal sake super selezionato, ai riesling tedeschi, dai piccoli natural italiani ai classici, in una continua e provocante combinazione di profumi e sapori della cucina giapponese a cui li abbina.

Ci congratuliamo moltissimo con Raffaele, da quel 2005 ne ha fatta di strada, a dimostrazione che il seme l’AIS è culturalmente fertile. Lo attendiamo in Italia a dare forma al suo sogno nel cassetto, di cui però ancora non sveliamo il significato. Congratulations Raffaele!

AIS Staff Writer

 

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)