Statistiche

  • Interventi (1659)
  • Commenti (0)

Archivi

venerdì 18 settembre 2015 12:00:00

Il futuro del vino si sta avvicinando così a tamburo battente che, se non stiamo in campana, si rischia nel breve periodo di trovarsi con un modo di pensare enologico retro postato all’inizio del 1900.

Immaginiamoci un sommelier che al cospetto di un cliente si sente chiedere: “Vorrei del vino bianco invecchiato con Habanero e Jalapeño Peppers”.

Non c’è trucco, non c’è inganno, venghino signori venghino, c’è così tanto del nuovo (e della pericolosa eccentricità) nel mondo del vino che un sommelier sta iniziando a trascorrere delle ore a carpire le novità mondiali.

Questa è l’ultima in fatto di eccentricità, lo riporta winesandvines.com. L’azienda che si è dedicata a una linea enologica così stravagante è Artfarm Wine di Napa, California.

I tre vini che si possono trovare sul mercato USA sono:

St. Mayhem Lake County Sauvignon Blanc, anno 2014, affinato con Habanero (piccantissimo peperoncino Messicano) e Jalapeño pepper: insomma del “chilli”. Dicono che il sauvignon si combina come d’incanto con l’aroma e il sapore del Jalapeño, mentre l’Habanero aiuta a rendere maturo il flavor del sauvignon bilanciando il finale di gusto. Alcol 13.5%, USD 25.

A seguire il Napa Valley e Clarksburg Chardonnay St. Mayhem, anno 2013, questa volta maturato con pesca e ginger. Ha 13,9% di alcol. I suoi profumi sono segnati dalla presenza della pesca e della radice del ginger, sensazioni che si ripropongono anche al gusto, con abbinato un tono rinfrescante. USD 25,

C’è anche il rosso, un Mendocino Merlot 2013, alcol 14,3%, questa volta maturato con caffè del Costa Rica (El Angel) e Jalapeño pepper. Al profumo restano integre le offerte olfattive di prugna e piccoli frutti scuri, con molto caffè a rinforzo, invece il Jalapeño rende più “caldo” lo speziato che naviga attraverso il palato. USD 25.

Per spazzare via ogni dubbio, si precisa che l’azienda produce anche altri vini, e il tutto non nasce a caso, ma segue una filosofia in cui non mancano assolutamente spunti curiosamente intelligenti.

Noi sommelier stiamo cominciando a navigare in un mare abitato da stravaganza e fantasiosità enologica. L’imperativo è ormai quello di stare aggiornati su ogni cosa, su ogni bevanda, e diciamocelo pure… questo è il bello del nostro lavoro.

AIS Staff Writer

 

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)