Statistiche

  • Interventi (1589)
  • Commenti (0)

Archivi

giovedì 23 luglio 2015 14:00:00

È la provincia di Imperia, con Diano Castello e la sua collocazione paesaggistica unica, ad ospitare l'edizione 2015 del Concorso Nazionale per il Miglior Sommelier del Vermentino 2015. I professionisti del vino sono arrivati nel borgo ligure da diverse regioni italiane, pronti per aggiudicarsi un titolo che nel corso degli anni ha acquisito un prestigio crescente. "Diano Castello rappresenta un luogo d'elezione per questo vitigno in Liguria" commenta Alex Molinari, Presidente di AIS Liguria "e poter celebrare il Vermentino qui era un atto dovuto al territorio, ai produttori e alla Delegazione imperiese, guidata da Augusto Manfredi".

In Italia i territori rappresentativi per il Vermentino sono, oltre alla Liguria, la Sardegna e la Toscana, in tutte l'influenza del mare è forte, tanto da caratterizzare con un denominatore comune le, comunque distinte, tipologie locali. La prova teorica ha permesso di valutare il grado di preparazione dei concorrenti nel profondo ed è stata una piacevole sorpresa, come sottolineato dal corresponsabile dei Concorsi Nazionali AIS, Maurizio Zanolla, riscontrare un altissimo livello generale, tanto che la terzina dei finalisti è stata determinata da una manciata di punti, un vero e proprio photofinish. Sono stati i sommelier Fabio Frediani, Iacopo Tonelli e Massimo Tortora ad accedere alla prova pratica del pomeriggio, che li ha visti impegnati in un servizio virtuale dove era necessario saper trasmettere e comunicare valenze e caratteristiche del vitigno, ma anche trovare un ideale abbinamento al piatto proposto e trasferire ai commensali la miglior comunicazione di quanto descritto.

È stato Massimo Tortora a coniugare al meglio tecnica, preparazione e comunicazione, davanti a Iacopo TonelliFabio Frediani.

Ai vincitori un assegno e un diploma da aggiungere al proprio curriculum professionale e personale, in attesa di conoscere la sede del Concorso 2016, auspicando una partecipazione sempre più nutrita e qualificata.

 

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)