Statistiche

  • Interventi (1674)
  • Commenti (0)

Archivi

mercoledì 12 ottobre 2016 11:00:00

Il primo corso di avvicinamento alla degustazione del vino, rivolto a detenuti, inizia oggi nella casa circondariale di Lecce. L’iniziativa, che ha trovato l’appoggio entusiasta della direttrice del carcere, la Dott.ssa Rita Russo, è stata resa possibile grazie alla collaborazione della delegazione leccese dell’AIS che mette a disposizione i propri docenti per le lezioni frontali.

“Era da un po’ di anni – afferma Gianvito Rizzo, amministratore della cantina Feudi di Guagnano e promotore dell’iniziativa – che ci balenava in testa l’idea di consentire anche agli ospiti di un carcere di imparare a degustare i grandi vini del nostro territorio e a conoscerne la storia. Poi, forse per ‘pudore intellettuale’ o perché molte volte non si sa nemmeno da dove iniziare, la cosa è rimasta sospesa. Poi, un bel giorno, la direttrice del carcere di Lecce ha aperto le porte a quello che forse è il primo corso per sommelier rivolto a detenuti, uomini e donne, realizzato in Italia. Siamo convinti che questa esperienza sarà straordinaria e unica, non solo per questi studenti speciali ma anche per tutti noi”.

Le lezioni, che tratteranno argomenti come la coltivazione della vite, le diverse tecniche di vinificazione, i vitigni pugliesi e come si serve e conserva un vino, si concluderanno il prossimo dicembre. Al termine verrà organizzato un evento in cui saranno rilasciati gli attestati di partecipazione ai partecipanti al corso.

Speciali sono in un certo senso alcuni dei docenti del corso. Si tratta, infatti, di Poliziotti della Questura di Lecce che sono anche esperti sommelier e, quando non in servizio, si occupano di quest’hobby che da anni coltivano. Una sorta di doppia veste che li vede da un lato, impegnati come tutori della giustizia a perseguire coloro che delinquono, dall’altro, sotto l’aspetto umano, a impegnarsi come meglio possono nel difficile cammino del reinserimento sociale.

AIS Lecce

 

Il gruppo di Sommelier della Polizia di Stato protagonisti dell'iniziativa

 

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)