Statistiche

  • Interventi (1674)
  • Commenti (0)

Archivi

mercoledì 14 ottobre 2015 11:30:00

Joël Robuchon fu reputato “Chef del secolo” dalla Guida Gault-Millau nel 1989. Ha attraversato con intuitiva intelligenza culinaria un periodo di tempo che parte dalla fine della nouvelle cuisine e arriva fino al 1995, quando all’età di 50 anni chiuse il ristorante di Parigi, Jamin, in cui ottenne nel 1984 la sua terza stella Michelin. Il suo fu un ritiro annunciato, forse programmato, per avviare altre avventure, visto che oggi ha Atelier (di cucina) sparsi per il mondo. In fatto di preparazioni  culinarie è nell’olimpo insieme con altri.

Tra le altre avventure s’è buttato anche nel vino. Ha fatto fare da Paul Jabouilet Aîné un Côtes du Rhône AOC utilizzando grenache, syrah e mourvèdre, quindi alla visione dell’annata 2012 ci siamo gettati sulla degustazione con l’intrepida voglia di essere stupiti, visto il background. Ben vivo è il colore rubino annerito dal syrah, ha profumo ariosamente fruttato, soprattutto cassis e mora, poi… c’è poco altro a contorno. Al gusto prevale il tono morbido, ha un buon succo dal sapore fruttato, con tannino generatosi per adeguarsi a un vino dalla struttura sostanziosa, ma non espressiva più di tanto rispetto ad altri Côtes du Rhône. Finale caratterizzato dalla rispondenza fruttata, la cui gradevolezza regge il vino oltre la sufficienza. Se da una parte Robuchon come chef sfornava piatti raffinati e costosi, talvolta visionari e terrestri da far stupire il creabile, con il vino è altra cosa e altro prezzo.

È un prodotto che non recupera fascino presentandolo come un vino dove “le stelle incontrano l’eleganza”, e badate bene un po’ di eleganza c’è, ma le stelle sono restate nella galassia. È un vino presente nelle catene di discount, a testimoniare che l’operazione ha un fine e un senso che immaginiamo d’addizione economica. Nel cercare un senso anche al commento, balza alla mente Blasco che di questo vino avrebbe forse ritmato: voglio trovare un senso a questo vino, anche se questo vino un senso non ce l’ha. Appunto!

AIS Staff Writer

 

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)