Statistiche

  • Interventi (1659)
  • Commenti (0)

Archivi

giovedì 17 novembre 2016 11:45:00

Il Master ha fatto il pieno! “Dopo il successo della prima edizione” – afferma il direttore del Master Piero Tonutti – “questa è la conferma che la scelta formativa allestita è vista con reale interesse da chi desidera costruirsi una professionalità innovativa e specialistica, così come ha attirato l’attenzione del mondo produttivo”.

La presentazione della seconda edizione si è tenuta il 10 novembre nell’aula magna dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa con i saluti del rettore Pierdomenico Perata e la relazione affidata al direttore del master Piero Tonutti. Tra gli intervenuti si segnala il direttore del dipartimento di Scienze agraria, alimentari e agro-ambientali dell’Università di Pisa Alberto Pardossi e del responsabile per le relazioni con le aziende Alessandro Balducci. Tra i presenti anche il presidente Assoenologi Riccardo Cotarella, la vignaiola Ginevra Venerosi Pesciolini e l’eno-scrittore Roberto Cipresso. Messaggi augurali sono stati inviati anche dal Presidente AIS Antonello Maietta e dal rettore dell’Università per Stranieri di Siena Pietro Cataldi.

Il Master universitario di I livello “Vini italiani e Mercati mondiali” , promosso dall’Associazione Italiana Sommelier, con la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, l’Università di Pisa e l’Università per Stranieri di Siena è ormai avviato a essere un puntuale momento professionale formativo nel panorama  dei settori vitivinicoli ed enogastromici che caratterizzano “l’Italian style e il made in Italy”.

“Il Master vuole formare delle figure professionali con visione strategica verso l’internazionalità, affinché le competenze professionali acquisite consentano di affrontare le sfide, anche culturali, che il mondo il vino italiano si troverà di fronte”, questo è l’indirizzo che il CTS (comitato tecnico scientifico) ha formulato e che gli allievi della prima edizione stanno concludendo in questo fine anno con lo stage. Ma c’è di più, perché il percorso didattico-formativo è stato messo a punto anche con il concorso delle aziende vitivinicole, con un modulo che include – obbligatoriamente – il corso per sommelier e che vede qualificati esperti del settore intervenire nelle altre tematiche.

Fanno parte del CTS Alessandro Balducci e Roberto Bellini per AIS, Pietro Tonutti ed Eloisa Cristiani per la Scuola Sant’Anna di Pisa, Gianluca Brunori e Giampaolo Andrich per l’Università di Pisa, Alessandro Balducci e Massimo Vedovelli per Università per Stranieri di Siena. Nello sviluppo formativo del Master la parola chiave è dinamicità, per assorbire, elaborare e proporre con immediatezza ogni nuovo impulso che s’affaccia nelle tematiche trattate.

AIS Staff Writer

 

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)