Statistiche

  • Interventi (1659)
  • Commenti (0)

Archivi

giovedì 9 ottobre 2014 17:00:00

Il Jura è un dipartimento vitivinicolo che sta attirando l’attenzione di tantissimi degustatori, un po’ perché rappresenta quasi un’enclave enologica, con tradizioni e stili pressoché incontaminati, un po’ perché il carattere dei sui vini si distacca da quasi tutte le tipologie francesi, arrivando ad avere certe affinità con alcune estreme concezioni enologiche della Rioja. Insomma, un vino del Jura non è mai banale! Anche l’Arbois del vigneron Rolet che abbiamo incontrato in degustazione ce ne dà conferma.

Si tratta di un 2011 con denominazione Appellation Arbois Contrôlée, che il vigneron Rolet indica come Naturé du Jura e che segnala come prodotto non a tecnica ossidante. La fermentazione malolattica è stata compiuta, matura per 12 mesi un po’ in legno e un po’ in acciaio e la raccolta delle uve è avvenuta in ottobre, a fine vendemmia.

L’uva è il savagnin, ma il nome locale è Le Naturé, quindi ecco spiegata la dizione riportata in etichetta.

Brillantissimo il paglierino che culla ancora un po’ di riflessi verdolini. I profumi sembrano aver completamente assorbito il clima del territorio, chiaramente influenzato dalla montagna, è infatti un pieno clima continentale montanaro. Il suo profumo ha un’essenza vegetale, ma non amarognola in stile sauvignon, chasselas o sylvaner; c’è un tappeto di sottobosco che miscela humus, foglie appassite, funghi champignon e tartufo nero; un profumo di paniere di frutti selvatici e un addolcente tocco di camomilla in chiusura. Gusto con taglio secco e vivace, ai sapori di nespola e susina verde, con un volume di media consistenza ma capace di tirar fuori tutte le residualità minerali. Palato crudo, d’una purezza che stilizza il concetto di vino d’altura, ha un finale dry (nel vero senso e nella pienezza della parola), che sembra quasi offrire una chiusura gusto olfattiva di genziana e ruta. Ha una personalità non ovattata dal legno, per cui scuote le papille e non vuole dare una dimensione di opulenza, bensì di scheletricità acida. Davvero tanta roba a prezzo che non raggiunge i dieci euro.

AIS Staff Writer

 

 

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)