Statistiche

  • Interventi (1659)
  • Commenti (0)

Archivi

giovedì 21 aprile 2016 11:00:00

A Vila Nova de Gaia dove il fiume Douro fluisce nel mare, dopo 897 km di viaggio,  si respira un’aria da vino rosso, e non solo fortificato come il Porto, ma anche il Douro, quello in versione non alcol, così intriso di concentrazioni fruttate e speziate, succoso al gusto, con tannino in versione soft-taste, che tanto sta attirando il palato anglosassone.

Percorrendo la valle, risalendo il fiume, sia con la ferrovia a bordo di uno storico treno, sia sgommando lungo la riva destra, quel ricordo di vino che si sta affinando nelle pipe resta perennemente ancorato alle emozioni di tutti i degustatori.

Ma il Douro è anche altro rispetto a quel mondo rosso rubino/granato (tinto per i Portoghesi), è anche bianco, un bianco che inizia a sorprendere un po’ tutti: a proposito è a gusto secco.

Duas Quintas (cioè due Vigne) è un esempio di questa linfa bianca che sta sgorgando dal Rio Douro. L’artefice è un mago del Porto: è Ramos Pinto.

Duas Quintas – due vigne –, la prima è la Quinta de Ervamoira, posta a 150 metri slm, la seconda è la Dos Bons Ares e si colloca a 600 metri di altitudine.

Le uve sono il rabigato (60%), viosinho (30%) e arinto (10%). Il 90% del vino è lavorato in acciaio, mente il 10% passa in legno francese e austriaco. La vendemmia 2014, che è oggetto della nostra trattazione, è stata imbottigliata nell’Aprile del 2015.

Questo ci indirizza a interpretare il vino come espressione di una personalità gioviale, esuberante, da bersi nel medio periodo, 3-4 anni. Infatti ha colore paglierino brillante e miscela un quid di profumi floreali, in primis mimosa e camomilla, con un sottofondo di erbe aromatiche secche e un fruttato di pesca gialla. Sapore decisamente sapido, con salinità capace di offrire spunti minerali e sostanza gustativa di frutti a polpa gialla, in specie tropicaleggianti. Ben lunga la PAI. È un ottimo vino da abbinare alle crudità di mare, ai carpacci di pesce e a una frittura di pesce azzurro.

AIS Staff Writer

 

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)