Associazione Italiana Sommelier

 

Brachetto da sogno

Statistiche

  • Interventi (1678)
  • Commenti (0)

Archivi

lunedì 7 settembre 2015 16:45:00

Dolce e frizzante, gioiosamente fruttato e delicatamente floreale, una personalità enologica che non si fa immaginare resistente al tempo; da sorseggiare in parallelismo armonioso con i dolcetti ai frutti di bosco. Questa può essere l’immagine dominante del vino Brachetto, fatto da un’uva che la New York Public Library chiama, vitis vinifera nicaeensis, forse confondendo la varietà “Nizzardo”, da Nizza, meno aromatico e quindi meno moscateggiante di quello del Piemonte. Ma veniamo al dunque, all’uva brachetto così incantevolmente coltivata in Piemonte. Quest’uva aromatica ha nel territorio di Acqui il suo terroir d’elezione e una storicità conclamata nell’essere spumantizzato, tanto che è un’icona nazionale se il pensiero dovesse rincorrere del vino rosso dolce e frizzante.

Eppure immaginarlo fuori da quel brio giovanile e birbante è difficile, perché non lo si riesce a immaginare estraneo allo schema bollicine, anche se quello da Nizza Marittima (Francia) lo si produceva a mo’ di liquore.

Eppure siamo restati sorpresi moltissimo degustando un Piemonte Brachetto Passito, Vendemmia 2009, Pian dei Sogni, fatto da Forteto della Luja. Pian dei Sogni è un vigneto a Loazzolo, siamo nella Langa Astigiana.

L’uva si fa sovramaturare per un po’ di tempo prima della pressatura, segue poi la fermentazione di botticelle di rovere; lo imbottigliano dopo due anni, previa delicata chiarifica anche con bianco d’uovo.

Risultato: vino molto accattivante e non standardizzabile. Granato vivace al colore, ha nel profumo il miglior connubio di eccentrica piacevolezza: amaricante e dolce. Spunto immediato di amaretto classico e poi alle nocciole, idea di profumo di chinotto e rabarbaro e infine tutto lo sciroppo di frutta rossa che si desidera, un odore così curioso da attizzare la golosità. Gusto chiaramente dolce, ma non alcolico (ha 9% alcol), c’è quindi un equilibrato senso di leggera morbidezza che scivola nel finale, dimensionando il vino in un corpo mediamente strutturato, con chiusura rinfrescante di lampone. 89/100.

AIS Staff Writer

 

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)

https://aisitalia.it/brachetto-da-sogno.aspx