Statistiche

  • Interventi (1678)
  • Commenti (0)

Archivi

mercoledì 20 aprile 2016 12:30:00

C’eravamo anche noi alla degustazione del cinquantennale del Vinitaly, celebrato con cinque vini rappresentativi dei decenni trascorsi dall’inizio della fiera, e selezionati dal nostro responsabile dei concorsi Cristiano Cini.

Vi raccontiamo il Recioto della Valpolicella, Denominazione di Origine Controllata, Amarone, Classico Superiore, chiaramente vendemmia 1967.

Emozionante? Poetico? Drammatico? Di certo ricco di una tensione organolettica che supera il concetto evolutivo, del tipo: cinquant’anni? Mi fanno un baffo!

Super cromatico nella compressione colorante rosso granato integerrimamente bordata di spunto rubino, quasi “crimson”, ad anticipare quei King Crimson che progressivizzarono la psichedelia musicale metallizzando la parte sinfonica del Rock.

Indubbiamente lo spin-off odoroso crea tutti gli effetti di un’elegia acustica in versione Robert Fripp; stravolge i canoni dell’essere una storicità aromatica con una fusion terziaria che scivola nelle distonie dell’Alto Douro; c’è tutto il pentagramma odoroso di un Tawny contaminato da un controllato assolo ossidativo in versione Garrafeira, poi del cioccolato puro e amaricante, con sciroppo di mirtillo e cherry surprise. Tanto  e tanto è l’heavy metal speziato e tostato, e la sua complessità ha un’ampiezza sacrale.

Al pari di “In the court of the Crismon King” che fu definito “un capolavoro”, questo Bertani 67 (chiamato così per degustazione confidenziale) è un assoluto capolavoro gusto olfattivo. E ci chiediamo? Come si fa a raccontare un capolavoro?

Qui c’è il volume gustativo dell’interregno, una consistenza che sintetizza una cascata di vellutata armonia glicerica in combinazione con una jam session sapida e tannica, che volge lo spirito alla fuga dalla libertà, per scombinare le imitazioni eteree delle versioni 2 punto zero, e muoversi, innalzandosi, verso un commovente finale di bocca, tanto da indurci ad interrogarci sull’escatologia, ovvero: quale sarà il suo destino? L’immortalità?

AIS Staff Writer

 

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)