Statistiche

  • Interventi (1663)
  • Commenti (0)

Archivi

martedì 5 marzo 2013 11:30:00

Lunedì 4 marzo 2013 è iniziato a Tokyo, presso l’Istituto Italiano di Cultura, il 1° livello del Corso per Sommelier.

Si tratta del completamento di un progetto pensato fin dal 2003, sviluppatosi con varie sessioni formative e propedeutiche di corto respiro, di volta in volta succedutesi negli anni trascorsi. Il progetto partì con il patrocinio dell’ambasciata italiana in Tokyo, che vide anche la traduzione in giapponese del volume di Enografia Nazionale.

La concretizzazione del rapporto di collaborazione tra l’Istituto Italiano di Cultura, (molto attivo in Tokyo in questo settore), la Japan Wine Sommelier (aderente alla Worldwide Sommelier Association) e l’Accademia dei Vini, punto di riferimento italo-giapponese per la programmazione e l’organizzazione di corsi per sommelier in lingua giapponese, ha reso possibile questo avvenimento.

È la prima volta che s’effettua un Corso completo in Giappone, in una nazione che vede una presenza costante  di scuole di degustazione europee, soprattutto dalla Francia.

In Giappone la presenza dei sommelier laureati AIS è numerosa: sono 280,  fra l’altro associati a J.W.S.!, 200 circa si sono “laureati” nei 21 corsi svolti in Italia in collaborazione con l’Accademia dei Vini, gli altri hanno conseguito l’attestato nelle varie sezioni regionali.

Professionalmente sono impegnati nel mondo del vino, in enoteche, ristoranti, scuole di cucina e in aziende di importazione di vini.

«È un passo importante – afferma Giorgio Amitrano, direttore dell’Istituto – perché segna la presenza dell’Italia formativa, e quindi culturale, in un segmento ancora in mano alla Francia.

L’impegno di collaborazione sarà oggetto di rinnovata e particolare attenzione – conclude il direttore – e non mancherà l’occasione per altri incontri su tematiche enogastronomiche».

Salutiamo con piacere questo evento e diamo un caloroso benvenuto nel mondo AIS a tutti gli allievi.

 

 

 Il Vicepresidente Nazionale Roberto Bellini al 1° livello del Corso attivato a Tokyo

 

 

© Associazione Italiana Sommelier (ed altri contributi)