Vinitaly è sinonimo di incontro per il mondo del vino e AIS rappresenta una parte significativa di quel mondo. Incontrarsi ad uno stand, tra il vociare dei presenti, il tintinnare dei bicchieri ed il susseguirsi degli assaggi non è sempre confortevole, a volte serve una pausa in un ambiente tranquillo e rilassante, ma coinvolgente ed intrigante allo stesso tempo. Un luogo dove sentirsi come a casa e magari accogliere un ospite o un amico.

Per questo motivo, al Vinitaly 2011 è nato, a fianco dello stand AIS, il progetto SommelierLounge (pad. 10 - 1° piano), dedicato a tutti i sommelier AIS che, tra una degustazione, una verticale e la visita ad un produttore, vogliono fare un break.

 

SommelierLounge 2016 “Bottles and cork

Come un abito sartoriale veste, protegge e definisce il carattere di chi lo indossa, bottiglia e sughero sono parti indissolubili quanto caratteristiche del loro contenuto: il vino.

Il vetro con la sua infinita duttilità e le diverse trasparenze rappresenta l’involucro del vino per eccellenza. Pulito, forte seppur delicato, riciclabile e affascinante, idealmente complementare al suo sigillo, il sughero, che con la sua naturale plasticità diventa il perfetto confine tra due mondi, due habitat che devono comunicare tra loro con parsimoniosa e attenta delicatezza.

 

 

I TEMI CHE HANNO ISPIRATO LE SCORSE EDIZIONI

 

SommelierLounge2011 “Le forme dei bicchieri
Un layout semplice ed accogliente con l’inserimento di oggetti di design in polistirolo e resina, appositamente disegnati e realizzati, che riproponevano le forme affascinanti dei bicchieri.

 

SommelierLounge2012 “Il vigneto”
Un progetto simbolico e metaforico della costruzione di una vigna, utilizzando, tra l’altro, materiale elastico che avvolgeva i calici da degustazione.

 

SommelierLounge2013 “I profumi del vino
La ricerca fisica dei sentori del vino attraverso un percorso sensoriale costruito utilizzando materiali insoliti posti all’interno dei calici da degustazione come fiori, erbe aromatiche, liquirizie, cioccolato, spezie, caramelle aromatizzate ai gusti e ai profumi che il vino sprigiona come aromi primari, secondari e terziari.

 

SommelierLounge2014 “I colori del vino”
Viene proposta una nuova interpretazione del colore rosso del vino: all’interno dell’allestimento trucchi, rossetti e altri elementi make up femminili per aggiungere una prospettiva nuova e intrigante all’idea del Colore del vino. All’interno dello spazio è stata inserita una tela bianca di tre metri, dove gli associati, utilizzando i colori acrilici rappresentanti le codificate sfumature del vino, hanno potuto esprimere messaggi o disegni dedicati all’Associazione.

 

 

SommelierLounge2015 “Bollicine”
L’anno 2015 è stato un anno particolare: si sono festeggiati i primi 50 anni dell'AIS e per celebrarli quale tema più adatto delle “Bollicine” declinato in un video dal titolo “Flying among the bubbles” appositamente girato e proiettato su una parete della lounge, in arredi e luci dalla forma sferica in modo da sottolineare e rendere fisico il concept ideato per l’evento. Nel video realizzato con la regia di Simone Savoia lo spettatore è condotto nello straordinario viaggio all’interno di un bicchiere di spumante immergendosi e liberandosi completamente nel liquido dorato, danzando e piroettando assieme alle bollicine. Un approccio e un punto di vista nuovi e coinvolgenti sull’affascinante movimento e flusso del perlage.

 

 

Chi è Alessia Cipolla
Due passioni accendono la sua vita: l’architettura e il vino. Nel 2003 fonda lo Studio Archipass, progettando spazi residenziali, e, nel 2009, attiva La Costruzione del Gusto, l’anima gourmet dello studio, una rete di professionisti che realizzano spazi e design per il gusto e con gusto. Ha vissuto in 23 case e in 18 città, sia in Italia che all’estero: una nomade più che una viaggiatrice. Non fugge e non sfugge al proprio destino, è solo che è curiosa, emotiva, dinamica e talvolta, forse, irrequieta. Si diverte molto a insegnare in insoliti corsi di architettura della tavola da lei ideati e, visto che il tema l’appassiona, ci ha scritto un libro: “Il progetto della tavola. Costruire lo spazio della convivialità.” edito da FrancoAngeli. In qualità di architetto e sommelier, in un continuo rimando tra essere profondamente l’uno e l’altro, scrive di vini fatti da persone che stima, di cantine che dialoghino con il paesaggio, di design per la tavola e di spazi che la entusiasmino. In questi ultimi anni, ad esempio, i progetti realizzati per la SommelierLounge del Vinitaly sono stati pensati come luoghi coinvolgenti dove accogliere gli associati, spazi per emozionare e intrattenere, aree dove introdurre un sistema progettuale del gusto attraverso i sensi spingendosi oltre la vista, incuriosendo udito, olfatto, tatto e gusto con forme, materiali, luci, profumi, suoni e sapori. Nuove, quindi, atmosfere di intrattenimento globale per conoscere, comunicare e gustare.